LOGIN

ACCEDI

Password dimenticata?
Se non sei registrato? Clicca qui







Storytelling. Cos'è e come può aiutarti a creare business

01 Nov 2019
Digital Agency
Lo storytelling è l’atto di narrare una storia attraverso l’uso di parole, immagini o suoni. La sua forza risiede nella capacità di smuovere le menti delle persone e far riaffiorare emozioni legate al vissuto o a esperienze passate.

Narrare storie è una necessità innata nell’uomo. Fin dalla nascita delle prime civiltà c’era l’esigenza di raccontare per tramandare storie e trasferire conoscenza ed esperienza. Quel “c’era una volta…” riecheggia ancora oggi nelle menti dei bambini ogni volta che si legge una favola.

 

Ma come è cambiato il modo di raccontare le storie nel marketing?

 

Non molto tempo fa si pensava che il marketing dovesse essere oggettivo, razionale e chiaro. I vecchi spot dovevano essere in grado di persuadere senza lasciar trasparire emozioni o stati d’animo. 

 

A pensarci oggi sembra un’assurdità!

 

Negli ultimi anni, infatti, stiamo assistendo all’uso dello storytelling come una vera e propria strategia di comunicazione persuasiva che si è rivelata uno strumento molto potente per tanti noti brand.

 

Cerchiamo di capire perché...

 

Lo storytelling non è altro che l’atto di narrare una storia attraverso l’uso di parole, immagini o suoni. La sua forza risiede nella capacità di smuovere le menti delle persone e far riaffiorare emozioni legate al vissuto o a esperienze passate.

 

Pensiamo alla famosa bambola della Mattel, la Barbie. Raccontare la storia d’amore tra Barbie e Ken, i loro litigi e la riscoperta dell’amore, ha senza dubbio creato sui social una grande attenzione da parte dei fan che hanno seguito con interesse le vicende amorose dei due amanti. Se la Mattel si fosse limitata a descrivere oggettivamente la Barbie avrebbe avuto la stessa fidelizzazione dei consumatori? Sarebbe riuscita a raggiungere lo stesso  numero di acquisizione di nuovi clienti? La risposta appare scontata…

 

Questo esempio ci aiuta a capire come l’uso dello storytelling per un brand o per un singolo prodotto/servizio, non si limita al saper raccontare una storia, piuttosto è la capacità di creare rappresentazioni in grado di generare emozioni e instaurare una relazione con il pubblico.

 

Lo storytelling è uno strumento potentissimo per l’azienda che si vuole distinguere dalla concorrenza. Permette di dare una personalità al proprio brand e creare engagement con il pubblico favorendo una risposta emotiva e l’immedesimazione con i personaggi e la storia. 

 

Uno storytelling per funzionare deve narrare una storia memorabile, che sia in grado di far distinguere il brand dai concorrenti e colpire dritta su un target definito di utenti. Per ottenere questo risultato sono necessari almeno tre elementi:

 

 

  • Un protagonista

 

Una buona strategia di marketing incentrata sullo storytelling deve necessariamente avere un eroe con il quale il pubblico possa immedesimarsi.

 

  • Un antagonista

 

Nel caso del marketing la figura dell’antagonista può essere assimilata al cliente che ha un problema (e che l’azienda può risolvere).

 

  • Un momento del valore

 

E’ il momento in cui la storia rivela per la prima volta il valore del brand, del prodotto o del servizio. (Il nemico è stato sconfitto e l’impresa è stata portata a termine).

 

Non abbiamo fatto altro che descrivere gli elementi principali della narrazione: fabula e intreccio! Nella storia c’è una situazione di partenza, una tensione o un conflitto da risolvere, un’azione risolutiva e in infine il risultato o la morale. 

 

Con questi elementi siamo perfettamente in grado di scrivere uno storytelling, ma perché questo risulti efficace nella comunicazione del tuo brand è necessario porsi alcune domande  che possono aiutare a disegnare uno schema di narrazione.

 

  • a quale pubblico mi rivolgo?
  • perchè racconto questa storia?
  • quali emozioni voglio far provare?
  • quale messaggio voglio veicolare?

 

Dalla risposta a queste domande nasce la struttura della narrazione che avrà quale unico scopo quello di far immedesimare e riconoscere l’utente.

 

Le emozioni.

 

A seconda del risultato che si vuole ottenere, ad ogni storia si possono associare diversi tipi di emozioni: stupore, angoscia, suspence o felicità, stando ben attenti a utilizzare un tono narrativo adeguato che sia in grado di placare o incendiare il cuore delle persone.

 

Scrivere uno storytelling aziendale: traiamo le conclusioni

 

Il racconto del brand deve fare leva su valori e ideali condivisi e condivisibili con gli interlocutori. Deve coinvolgere l’utente immergendolo completamente nella storia, come accade con i film. Deve avere un incipit accattivante per catturare l’attenzione, e uno sviluppo altamente emotivo per mantenere alta la tensione. Infine deve rappresentare la molla che induce le persone a scegliere quel prodotto o servizio piuttosto che un altro.

 

Perchè il tuo brand possa beneficiare dello storytelling, la storia deve:

 

  • saper emozionare e coinvolgere
  • avere una trama ben definita e chiara
  • raccontare la verità
  • essere coerente con i principi e i valori del brand



Non sottovalutare l’aspetto visual.


L’aspetto visivo è importante quanto la storia raccontata. Uno storytelling senza il giusto design rischia di essere un flop. Le immagini rafforzano la storia e la rendono più facile da ricordare, la pubblicità è piena di questi esempi.

Condividi

Lascia un commento

PUBBLICA

Commenti precedenti

No comments.
Tutte le categorie
CHAT
6bf6e211c49490d5ccb5061f1a716396
0
Ciao, come posso aiutarti?

Questo sito potrebbe utilizzare cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più